Council of Europe Petition for the respect and the enforcement of Covid related Resolutions 2383/21 and 2361/21

Editor


 

PETITION CLOSES 4 JANUARY 2022

 

Council of Europe

General Secretariat 

European Commission:

DG Justice and Fundamental Rights;

International data flow and protection;

 

 DG Growth – Enforcement I Unit E1;

 

Subject: New Italian Decree on compulsory vaccination of healthcare, school and law enforcement professionals– contrast with Council of Europe Resolution 2383/21 and EU Regulation 953/21 – reduction of Covid tests duration in France and Luxembourg – proposal to extend mandatory vaccination in Greece and Austria to the general population.

 

Dear Sirs,

The Italian Government (“Decreto Legge” 26 November 2021, n. 172) introduced a mandatory vaccination for all school teachers and personnel, army and police forces, and a Pass restricted to vaccinated or recovered people only (so-called “2G”, as adopted in Germany and Luxembourg), prolonging the obligation introduced by the “Legge” 76/21 to health professionals; France and Luxembourg are in the process of reducing the duration of PCR or RAAT Covid Tests to 24h only, Austria and Greece are introducing measures imposing mandatory vaccination to the general public, and eventually the European Commission President Ursula Von Der Leyen encouraged Member States to consider it; all this is creating an unprecedented compressions of citizens fundamental rights and a widely shared feeling of insecurity and missed protection from European institutions, notably because the Council of Europe has never provided an official position with regard to the objective violation of its Resolutions, and the remedies envisaged, neither when academics called for an action last summer (letter dated 23 August 2021) to contrast the spread of measures that lead to the actual situation.

In this respect, the above-mentioned criticalities lead to a violation of Article 14 (prohibition of discrimination) of the European Convention on Human Rights where a differential treatment for unvaccinated goes clearly beyond the scopes of the Convention; the proposed differential treatment in the Italian legislation provides for a Pass (based on the EU Certificate issued pursuant to EU Regulation 953/21) that excludes the testing option to obtain it, with the aim to prevent unvaccinated people access to social activities (it appears that also Germany and France are in the process of adopting akin rules).

Besides the technical complexities involved in modifying the digital infrastructure to satisfy EU Regulation 679/16 and simultaneously obtain such a pass, the fact that healthy people (as those recently tested are) are prevented from benefiting from leisure activities is clearly a discrimination; please note that instead tests remain accepted to go to work and access workplaces, so that the discrimination will be limited to leisure activities, and with respect to this the essential services exception has not been considered ( e.g. hotels now require the pass, but in an emergency situation – i.e. a car malfunction late evening far from home – a driver could not have the opportunity to test, and will be forced to sleep outside in winter).

Although France made progresses in linking the use of pass to the rate of infection and vaccination, the reduction of the test duration to 24h amounts to a de facto mandatory vaccination; an health, costly treatment imposed so frequently to have access to life activities (where the real need for tests is far from being proven in terms of proportionality)  including the right to work, clearly force people to vaccinate, that is exactly what Council of Europe Resolution 2361/21 paragraphs 7.3.1 and 7.3.2 seek to avoid.

In the context above, Member States continue ignoring Resolution 2383/21[1], Paragraphs 3 and 8, imposing that until clear scientific evidence exists that vaccinated pass holders are non-contagious, the relief of restrictions in their favour would be discriminatory; instead, the provisions adopted go in the opposite direction, where a pass to freely move is issued to vaccinated people (that are likely to infect and being infected).

With regard to the mandatory vaccination, already partly adopted for certain categories of people, it is legitimate recalling the prohibition contained into Resolution 2361/21, and demanding for a Council action to enforce it as soon as possible; please finally note that the President of the European Commission has created an unprecedent situation, encouraging Member State discussion on the mandate.

In fact, since September 2020 the European Union accessed the Human Right Convention, and it is therefore legitimate assuming that a Council Resolution – that benefits from a presumption of having been adopted in line with the Convention – should be respected not only by Member States, but by the European Union itself; in this respect, a public Commission President speech where Member States of the Council of Europe are suggested and encouraged to consider mandatory vaccination is an implied invitation not to respect the Resolution 2361/21, that expressly prohibits the obligation.

But even ignoring the Resolution legal effects, it is out of discussion that Sars CoV2 vaccines – which clinical trials end December 2023 – do not comply with the requisite of being well-known and consolidated, a condition sets out by the European Court of Human Rights in the judgment 116/21 of the 8 of April 2021; therefore, where a Member State should decide to divert from the Resolution imposing the obligation, excluded any kind of forced inoculation, no fine could be applied for the refusal due to experimental nature of the Sars CoV 2 vaccine, that prevent the judgement to be applied in the concrete case, but – where applicablethe sanction to suspend a salary for employees refusing to vaccinate is clearly a disproportioned measure accordingly to the Court ruling, and this is almost true where the extension to additional professions is under consideration by the Italian Government.

Respectfully Yours.

Avv. Giulio Marini, Solicitor – Scotland, Counsel at the International Criminal Court, The Hague, on behalf of signatories.

 

VERSIONE IN ITALIANO

Consiglio d’Europa

Segreteria Generale

 

Commissione europea:

DG Giustizia e diritti fondamentali;

Flusso e protezione internazionale dei dati;

 

DG Crescita – Enforcement I Unità E1;

 

Oggetto: Nuovo Decreto italiano sulla vaccinazione obbligatoria degli operatori sanitari, scolastici e delle forze dell’ordine – contrasto con la Risoluzione 2383/21 del Consiglio d’Europa e il Regolamento UE 953/21 – riduzione della durata dei test Covid in Francia e Lussemburgo – proposta di estensione della vaccinazione obbligatoria in Grecia e l’Austria alla popolazione generale.

 

Cari signori,

Il Governo italiano (con “Decreto Legge” 26 novembre 2021, n. 172) ha introdotto una vaccinazione obbligatoria per tutti gli insegnanti e il personale delle scuole, dell’esercito e delle forze di polizia, e un Pass riservato alle sole persone vaccinate o guarite (c.d. “2G”, adottato in Germania e Lussemburgo), prorogando agli operatori sanitari l’obbligo introdotto dalla “Legge” 76/21; Francia e Lussemburgo stanno riducendo la durata dei test PCR o RAAT Covid a sole 24 ore, Austria e Grecia stanno introducendo misure che impongono la vaccinazione obbligatoria al pubblico in generale e, infine, il presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen ha incoraggiato gli Stati membri a prendere in considerazione tale possibilità; tutto ciò sta creando una compressione senza precedenti dei diritti fondamentali dei cittadini ed una percezione ampiamente condivisa di insicurezza e mancata protezione da parte delle istituzioni europee, in particolare perché il Consiglio d’Europa non ha mai preso una posizione ufficiale rispetto alla violazione oggettiva delle sue Risoluzioni e dei rimedi previsti, neppure quando gli accademici hanno chiesto un’azione la scorsa estate (lettera del 23 agosto 2021) per contrastare la diffusione delle misure che hanno condotto alla situazione attuale.

Al riguardo, le criticità sopra menzionate portano ad una violazione dell’articolo 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo dove un trattamento differenziato per i non vaccinati esula chiaramente dagli scopi della Convenzione; il trattamento differenziato proposto nella normativa italiana prevede un Pass (basato sul Certificato UE rilasciato ai sensi del Regolamento UE 953/21) che esclude la possibilità di ottenerlo in esito all’esecuzione di un test, con l’obiettivo di impedire alle persone non vaccinate l’accesso alle attività sociali (sembra che anche Germania e Francia stiano adottando regole simili).

Oltre alle complessità tecniche legate alla modifica dell’infrastruttura digitale per soddisfare il Regolamento UE 679/16 ed ottenere contemporaneamente tal genere di pass, il fatto che alle persone sane (come quelle recentemente testate) sia impedito di beneficiare di attività ricreative è chiaramente una discriminazione; si ricorda che invece i test restano ancora validi quali prove per accedere ai luoghi di lavoro, per cui la discriminazione sarà limitata alle attività di svago, e rispetto a ciò non è stata neppure presa in considerazione l’eccezione dei servizi essenziali (es. situazione di emergenza – ad esempio un malfunzionamento dell’auto in tarda serata lontano da casa – un guidatore non potrebbe avere l’opportunità di eseguire un tampone e sarà costretto a dormire fuori, magari in pieno inverno).

Sebbene la Francia abbia compiuto progressi nell’ancorare l’uso del pass al tasso di infezione ed a quello di vaccinazione, la riduzione della durata del test a 24 ore equivale di fatto a una vaccinazione obbligatoria; un trattamento sanitario costoso imposto così frequentemente per avere accesso alle attività della vita (dove la reale necessità di test è lungi dall’essere dimostrata in termini di proporzionalità) compreso il diritto al lavoro, costringono chiaramente le persone a vaccinarsi,  ed è esattamente ciò che il Consiglio d’Europa con la Risoluzione  2361/21 commi 7.3.1 e 7.3.2 cerca di evitare.

Nel contesto di cui sopra, gli Stati membri continuano a ignorare la Risoluzione 2383/21[1], paragrafi 3 e 8, che impone che fino a quando non esisterà una prova scientifica chiara che i titolari di pass vaccinati non sono contagiosi, l’eliminazione delle restrizioni a loro favore sarebbe discriminatoria; nella direzione opposta vanno invece le disposizioni adottate, dove viene rilasciato un lasciapassare per circolare liberamente alle persone vaccinate (che rischiano di contagiare e di essere contagiate).

In merito alla vaccinazione obbligatoria, già in parte adottata per alcune categorie di persone, è legittimo richiamare il divieto contenuto nella Risoluzione 2361/21 e chiedere un provvedimento del Consiglio per renderla effettiva quanto prima; si noti infine che il Presidente della Commissione europea ha creato una situazione senza precedenti, incoraggiando la discussione degli Stati membri sull’obbligo.

Dal settembre 2020, infatti, l’Unione Europea ha aderito alla Convenzione sui diritti umani, ed è quindi legittimo ritenere che una Risoluzione del Consiglio – che beneficia della presunzione di essere stata adottata in linea con la Convenzione – debba essere rispettata non solo dagli Stati membri, ma dalla stessa Unione Europea; a questo proposito, un discorso pubblico del Presidente della Commissione in cui gli Stati membri del Consiglio d’Europa sono suggeriti e incoraggiati a considerare la vaccinazione obbligatoria è un invito implicito a non rispettare la Risoluzione 2361/21, che vieta espressamente l’obbligo.

Ma anche ignorando gli effetti giuridici della Risoluzione, è fuori discussione che i vaccini Sars CoV2 – i cui studi clinici si concludono a dicembre 2023 – non soddisfino il requisito di essere conosciuti e consolidati, condizione dettata dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo nella sentenza 116/21 dell’8 aprile 2021; pertanto, qualora uno Stato membro decida di derogare alla Risoluzione che impone il divieto d’obbligo, esclusa ogni forma di vaccinazione forzata, nessuna sanzione potrà essere comminata per il rifiuto proprio in ragione della natura sperimentale del vaccino Sars CoV 2, che impedisce l’applicazione della decisione nel caso concreto. Tuttavia – se ed ove applicabile – la sanzione della sospensione dello stipendio per i dipendenti che rifiutano di vaccinarsi è chiaramente una misura sproporzionata, se si seguono i dettami della sentenza, e ciò è vero a maggior ragione laddove l’estensione ad ulteriori professioni è all’esame del Governo italiano .

Distinti saluti.

Avv. Giulio Marini, Solicitor – Scotland, Counsel at the International Criminal Court, The Hague, per conto dei firmatari.

 

[1] https://pace.coe.int/en/files/29348/html

28,015 Signatures on “Council of Europe Petition for the respect and the enforcement of Covid related Resolutions 2383/21 and 2361/21”

Signatures are closed.